News

Impressioni di fine vendemmia

Finalmente riusciamo a dedicare un po’ di tempo al racconto di quello che succede nella nostra azienda.
Avanti! Venite! Vi apriamo le porte della cantina!
Ci troviamo ad autunno inoltrato ormai, ma siamo ancora in attesa che alcuni mosti finiscano la
fermentazione.
Pensate che abbiamo concluso la nostra ultima svinatura, che riguardava il Pignolo, da appena due
settimane.
Le temperature, infatti, si sono abbassate in modo repentino e i lieviti si sono trovati affaticati nel loro
lavoro, anche a causa di un elevato quantitativo di zucchero da consumare.
Il 2021 ha assistito a una raccolta delle uve posticipata rispetto agli standard. Basta pensare al 2018, anno
della prima vendemmia per Tralci di vita, quando il Sauvignon si raccoglieva già a fine Agosto.
Quest’anno, invece, a metà Settembre la vendemmia si affacciava solo in modo timido e discontinuo.
Colpevole la mancanza di piogge del periodo estivo, elemento fondamentale per una maturazione
corretta.
Ma è proprio nella diversità che Massimo ed io troviamo stimolo: ogni annata ci mette alla prova in modo
diverso e dà al prodotto il suo tocco speciale e curioso.
I mosti in fermentazione hanno inebriato la cantina di profumi interessanti e promettenti: mele e pere
appena colte, spremuta di arance e pompelmi, marmellata di frutti di bosco, fieno imballato, fiori ed erbe
di campo strofinati nelle mani.
Queste essenze sono direttamente collegate alla buccia dell’uva e, con l’affinamento del vino,
evolveranno in profumi più complessi e maturi, che avrete la fortuna di apprezzare nei calici, durante
la vostra prossima degustazione in Azienda!

Partiremo proprio dalla buccia dell’uva per raccontarvi di come eseguiamo la macerazione, fase della
vinificazione finalizzata, principalmente, all’acquisizione del colore voluto in un vino.
Il mosto fermenta a contatto con le sue bucce per un periodo che varia in relazione al tipo di uva, alla
varietà e alla filosofia aziendale.
Noi, in particolare, non proponiamo vini bianchi macerati e dedichiamo questa parte esclusivamente ai
vini rossi, per cui è imprescindibile!

La nostra cantina si riempie di grossi tini, in cui vengono convogliate le uve diraspate (dette anche
pigiato): le bucce si compattano, formano un cappello soprastante al mosto e pronti…partenza…via!! La
fermentazione inizia la sua corsa.

Il pigiato trova sistemazione temporanea nel tino per un periodo di 10-15 giorni, nel corso del quale noi,
con un particolare bastone di legno, eseguiamo 3 rimescolamenti quotidiani.
Servendoci di questo strumento e, incontrando un po’ di resistenza, affondiamo le bucce, che entrano a
contatto con il mosto e lo dipingono in modo via via più intenso ed omogeneo in ogni sua parte.
Proviamo sempre tanta soddisfazione perché questo procedimento, chiamato follatura, è una pratica
antica che abbiamo voluto recuperare dalla tradizione e che dà al nostro lavoro un’impostazione
artigianale.
L’essenza del vino viene sviscerata, permettendo di apprezzarne colori e aromi.
Gli occhi sono stimolati dal colore rosso-violaceo intenso estratto dalle bucce, che brilla come quello di
una pietra preziosa.
Nel momento in cui le bucce sprofondano si gode dei profumi dell’uva. La fatica del movimento passa
in secondo piano, perché ogni rimescolamento regala un’ondata inebriante.

Una volta portata a termine questa fase il tutto viene trasferito nella pressa.
L’approccio che abbiamo è improntato al minor utilizzo possibile di strumenti meccanici, motivo per cui
questo macchinario viene impiegato solo alle pressioni minime. Il succo è estratto in modo soffice. La
resa è naturalmente inferiore, ma il risultato è voluto: prendiamo in considerazione solo il mosto di prima
pressatura, non contenente i tannini più ruvidi e verdi, che potrebbero essere causa di sapori amari e
sgradevoli nel nostro vino futuro.

In un’azienda vitivinicola i lavori si diversificano molto in relazione alla stagione e non si conosce la
monotonia. Presto sarà la campagna a impegnarci per la maggiore!
Ora che il vino è tutto nelle vasche di vinificazione, infatti, solo travasi eseguiti a proposito e un tempo di
affinamento adeguato daranno i prodotti del nostro prossimo imbottigliamento!

Maria Chiara

Massimo impegnato nella follatura manuale

Tralci di vita a Cortina

🍇 SIAMO ORGOGLIOSI di annunciarvi che TRALCI DI VITA È UFFICIALMENTE GOLD PARTNER PER L’EDIZIONE di CORTINAMETRAGGIO 2021! 😊

Lo scorso anno, per motivi ormai noti, CORTINAMETRAGGIO non si era potuto svolgere in presenza e la collaborazione prevista per l’edizione 2020 era sfumata.

Le difficoltà che stiamo attraversando sono ancora molte, ma la voglia di farcela prevale e Maddalena Mayneri si sta impegnando per portare l’evento a Cortina in tutta sicurezza. Il desiderio di dare spazio al mondo dell’arte e dello spettacolo, settori che hanno risentito in modo pesante delle chiusure imposte, è forte!

🍷 Speriamo che il nostro vino diventi il protagonista di un brindisi beneaugurante!

La piegatura

Nel precedente articolo vi abbiamo parlato della potatura.

🍇 Ora scopriamo insieme il passo successivo sulla strada verso un ottimo vino: la PIEGATURA.

🔎 Una volta che la vite è stata potata, si può procedere con la scelta della forma di allevamento più adatta:

➡️ i tralci vengono piegati con delicatezza e secondo direzioni predefinite, in modo che la pianta possa svilupparsi secondo una struttura corretta e bilanciata

La piegatura della vite: un lavoro di delicatezza

La potatura

Vi siete mai chiesti cosa accade d’inverno tra i vigneti? Andiamo a scoprirlo insieme!🔎 Parola d’ordine di oggi: POTATURA. La potatura invernale della vite è un’operazione fondamentale. Infatti è alla base del rinnovamento della pianta, che può portare frutti solo sui tralci di un anno di età.

#tralcidivita#potaturavite#friulicolliorientali

Massimo al lavoro

In occasione delle festività pasquali

La situazione di emergenza in cui ci troviamo ci vedrà costretti a trascorrere le prossime festività ognuno a casa propria, in compagnia dei soli famigliari più stretti.

Se volete farvi sentire più vicini ad amici e persone care che non avete possibilità di incontrare, noi vi lanciamo un’idea…

PERCHE’ NON SCEGLIERE UNA DELLE NOSTRE CONFEZIONI REGALO? Pergamena per bottiglia singola, confezione di juta per due bottiglie o scatola di legno.
Le bottiglie potrebbero essere stappate proprio in occasione del pranzo di Pasqua 🍾🥂🍽!
Riteniamo possa essere un pensiero gradito!

🍇 IL NOSTRO SERVIZIO DI CONSEGNA VINO A DOMICILIO E’ ATTIVO E SAREMO FELICI DI SODDISFARE LE VOSTRE RICHIESTE 🍇
Per info e prenotazioni contattateci al 3467425090

 

Consegna a domicilio

Se desiderate bere un buon bicchiere di vino, ma avete esaurito le scorte, sappiate che siamo disponibili con il nostro SERVIZIO DI CONSEGNA A DOMICILIO.

Anche il Refosco barricato “Risoluto” è stato imbottigliato e si aggiunge alla lista dei vini tra cui potete scegliere.
?? PER INFO E ORDINAZIONI CHIAMATECI AL 346/7425090!

Un caro saluto a tutti i nostri clienti, con l’augurio che stiate bene e che si possa tornare a una situazione serena al più presto!
Un abbraccio virtuale,

Massimo e Chiara 

Sorsi e Percorsi

Siamo proprio contenti di aver partecipato a una delle serate di degustazione organizzate dalla cara Maria Teresa Gasparet, sommelier e comunicatrice del vino competente e appassionata.
Le parole di gratitudine e apprezzamento che ci avete regalato rendono ancora più bello questo lavoro
Grazie per questa bella occasione di confronto sui nostri vini!
Ecco la recensione di Maria e il video di presentazione della serata

Brindisi con l’associazione Calice&Forchetta

Ringraziamo l’associazione Calice&Forchetta per la calorosa partecipazione.
La mattinata di degustazione insieme ci ha dato grande carica e soddisfazione.
Siamo entusiasti del positivo riscontro e vi aspettiamo per una prossima occasione!

Scroll to top