La Storia

Massimo e Maria Chiara

Dopo gli studi superiori all’istituto tecnico agrario Paolino di Aquileia di Cividale del Friuli, Massimo ha frequentato la facoltà di Enologia presso l’Università degli studi di Udine, dove ha affinato le conoscenze precedentemente acquisite, maturando diverse esperienze formative in cantine locali e fuori regione.

Proprio nel periodo dell’Università Massimo ha incontrato la sua compagna Maria Chiara, che frequentava insieme a lui la facoltà di Agraria e con cui condivide oggi “Tralci di vita”, progetto professionale e, appunto, di “vita”. Il nome dell’azienda nasce, infatti, da questo pensiero: il tralcio, che porta le gemme e dà vita alla pianta, diventa la metafora del percorso di vita di questi due giovani.

L’impegno di Massimo e Maria Chiara si traduce nella cura e metodicità con cui organizzano ogni fase del lavoro. Buona parte delle operazioni di campagna e cantina è eseguita ancora a mano e questo va a beneficio della qualità del prodotto. Infatti si tratta di una piccola azienda che lavora a livello artigianale e punta all’eccellenza.

Uno degli aspetti fondamentali per ottenere il risultato voluto è essere pazienti e trattare con rispetto le viti, assecondandone i ritmi e il naturale portamento.

L’azienda

Il centro aziendale è situato nella frazione di Ronchis di Torreano: la cantina é stata interamente sistemata, sfruttando gli spazi di quella che era una casa contadina degli anni ’50. Si sviluppa in 3 locali principali, tra cui una barricaia per l’affinamento dei vini rossi. Alla cantina é annessa, inoltre, una sala per le degustazioni.

I vigneti si distribuiscono nel cuore dell’area DOC Friuli Colli Orientali, nei comuni di Cividale e Torreano, su un’estensione di circa 4 ettari. Il terreno, caratteristico di queste zone si compone di un’alternanza di marne e arenarie, che hanno la proprietà di conferire ai vini una mineralità spiccata. A questo aspetto si aggiunge la tipicità del clima, che, grazie all’influsso della bora, presenta escursioni termiche notevoli nell’alternanza giorno-notte e fa sì che le caratteristiche aromatiche delle diverse cultivar si possano esprimere nel modo migliore.

Scroll to top